Rassegna “EVÒ CE ESÙ”

Rassegna cinematografica “Evò ce esù” 2a edizione. Il cinema delle lingue minoritarie in Puglia. Visioni e incontri di confine, tra visi e parlate.

Si terrà a Martignano (Le), in Grecìa Salentina, l’isola linguistica del Salento, il 28, 29 e 30 Agosto 2015, la seconda Rassegna cinematografica “Evò ce esù – Visioni – Incontri di confine, tra visi e parlate”, organizzata dal Parco Turistico Culturale Palmieri di Martignano (Le), dall’Associazione Salento Griko e dalla Cooperativa sociale Open, in partenariato con il Babel Film Festival di Cagliari, la Cineteca Sarda, l’Associazione Terra de Punt ed EjaTV, con il sostegno della Regione Puglia, del Comune di Martignano, ed il patrocinio dell’Unione Comuni della Grecìa Salentina, del Comune di Melpignano e la collaborazione di registi ed operatori del settore cinematografico.
La rassegna è resa possibile grazie al contributo della Regione Puglia, Area Politiche per la promozione del territorio, dei Saperi e dei Talenti, Servizio Scuola, Università e Ricerca, nell’ambito della Legge regionale n. 5/2012 “Norme per la promozione e la tutela delle lingue minoritarie in Puglia” e Regolamento regionale n. 35/2012, per l’annualità 2014, per il Progetto “Evò ce esù – io te”, presentato dall’Associazione Salento Griko; grazie al contributo del Comune di Martignano, di imprenditori locali che hanno sposato il progetto di promozione e salvaguardia delle lingua grika, con il format “Evò ce Esù”,
L’evento, che si svolgerà negli spazi del Parco Turistico Culturale Palmieri a Martignano (Le) (Sala conferenze, frantoio semi-ipogeo, giardino e cortile di Palazzo Palmieri, Piazza Palmieri), pone l’accento sul cinema delle lingue definite “minori”, con l’obiettivo di far conoscere al pubblico il dinamismo di molte realtà che si muovono nella prospettiva del riscatto e della volontà di risveglio dal torpore e dal conformismo culturale, nel tempo della globalizzazione. Confini linguistici e lessicali che aprono il varco a relazioni internazionali, a contenuti emozionali e geografici rappresentativi di territori e culture diverse.
L’iniziativa, nata dall’incontro tra gli operatori del Parco Turistico Palmieri (curatori del documentario in lingua grika “Evò ce esù – io e te”, firmato da Christian Manno e Pantaleo Rielli), e gli organizzatori del Babel Film Festival di Cagliari, con l’iniziativa Babel in Tour, contribuisce in modo sostanziale alla realizzazione di una rassegna ricca e variegata, altamente rappresentativa del cinema di minoranza linguistica. Saranno presentate molte opere tra quelle selezionate al Babel Film Festival, con la presenza del Responsabile del Babel Film Festival Tore Cubeddu e del Direttore della Cineteca Sarda Antonello Zanda. Media partner dell’evento sono il periodico QuiSalento ed EjaTv.
L’iniziativa presenterà al pubblico pugliese pellicole provenienti da geografie e confini linguistici variegati, dal romanì, al sardo, al brindisino, al gaelico, al basco, al kinande, swahili, arberesh, euskera, occitano, alla lingua dei segni, fino a lavori in cui è l’immagine ed il suono diventano lingua, esprimendo l’esigenza del ritrovarsi attorno all’alterità, di incontrarsi seduti al tavolo delle differenze e delle diffidenze.
Tanti gli ospiti della Rassegna, tra i quali segnaliamo:
– Antonio Spanò, con il documentario “The silent chaos”, girato nella Repubblica Democratica del Congo, a Nord Kivu, in lingua dei segni, in kinande, swahili e francese.
– Valentina Zucco Pedicini, con il documentario My Marlboro City, opera che fa intuire le straordinarie capacità della regista pugliese. La città di Brindisi è stata per anni considerata il regno del contrabbando di sigarette: ma qual è il presente di Brindisi?

Il contesto e le atmosfere della Rassegna porranno attenzione quindi al tema della salvaguardia delle lingue minoritarie, con la presenza di esperti, di rappresentanti istituzionali, di operatori culturali e cinematografici.

Presenti anche alcuni giovani autori salentini. Tra questi Fabrizio Lecce, autore griko di Zollino, del documentario La Terra di Fronte, fondatore della Meditfilm; Due terre bagnate dallo stesso mare raccontate da due uomini, un albanese e un arbëreshë, le cui vicende si intrecciano con la storia recente di due territori, l’Albania e l’Italia meridionale.

Parco turistico Palmieri – Martignano
28, 29 e 30 agosto 2015
Ingresso gratuito – dalle ore 20.00

PROGRAMMA RASSEGNA

VENERDI’ 28 AGOSTO 2015
Ospite: Valentina Zucco Pedicini – regista pugliese

Ore 19.30 Laboratorio “Evò ce Esù”
Ore 21.30 Inaugurazione Mostra fotografica
A seguire le proiezioni dei films:

MARGERITA (rom)
Alessandro Grande – Cortometraggio
(Italia, 2013, o.l. italiano / romanì, subt. ita, 15’25’’)

MY MARLBORO CITY (brindisino)
Valentina Zucco Pedicini – Documentario
(Italia, 2010, o.l. dialetto brindisino/italiano, subt. Ita, 52’)

Panas (sardo)
Marco Antonio Pani – Cortometraggio
(Italia, 2005, o.l. italiano/sardo, sut. Ita,20′)

DIRTY MARTINI (gaelico)
Iban Del Campo – Documentario
(stati Uniti, 2009, gaelico, subt. ita, 24’00)

SABATO 29 AGOSTO 2015
Ospite: Antonio Spanò – regista toscano

Dalle ore 20.30 le proiezioni dei films:

AHATE PASA (basco)
Koldo Almandoz – Docufiction
(España, 2009, euskara, subt. Italiano, 13 min.)

THE SILENT CHAOS (kinande)
Antonio Spanò – Documentario
(France, 2012, o.l. dei segni/kinande/swahili/francais, subt. ita., 44’46’’)

E nesër? (arberesh)
Daniela Giammarino e Riccardo Bruni – Documentario
(Italia, 2010, film in arbereshe con sottotitoli in italiano 28’37”)

Ore 22.30 Concerto del gruppo “Thalassas”
Il gruppo Thalassas è un progetto che prende ispirazione dalle musiche caratteristiche del bacino del Mediterraneo, dalla tradizione musicale albanese, macedone, greca, balcanica nel senso geografico più ampio, arricchendole con l’estro artistico dei membri del gruppo. Meli Hajderaj, voce del gruppo, musicista di origini albanesi ed esperta conoscitrice delle sonorità della tradizione, anche salentine. Dopo la formazione artistica in Albania si è trasferita in Terra d’Otranto, dove risiede ormai da venti anni; la sua voce è abile nei melismi e caratterizzata da un timbro vellutato che dona ai canti della tradizione balcanica un sapore inconfondibile. Un timbro esaltato dalle sonorità e dai virtuosismi della musica dei musicisti che l’accompagnano, Beppe Branca, al mandoloncello, Shpetime Balla, al violino, Mattia Manco Gregoriadis alla fisarmonica.

DOMENICA 30 AGOSTO 2015
Ospite: Fabrizio Lecce – regista griko-salentino

5622
Giacomo Cola, Gaetano Mangia, Marco Conoci, Marta De Rosa
Collettivo Scuola della Scimmie – Documentario
(Italia, 2015, senza lingua, 7’ 47’’)

LA TERRA DI FRONTE (italiano/ arberesh)
Fabrizio Lecce – Documentario
(Italia, 2015, Documentario, 28’)

DEUS ET MACHINA (euskera)
Koldo Almandoz – Cortometraggio
(España, 2012, o.l. euskera, subt. ita, 8’46’’)

Il vento fa il suo giro (occitano)
Giorgio Diritti – Lungometraggio
(Italia 2005 – subt. Ita, 1h 50’)
Info e contatti Rassegna: 392.3309993 – info@parcopalmieri.it –www.evoceesu.it

LEAVE A REPLY

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *