Presentazione del volume “Raccontare la Grecìa”

Presso l’Università di Bologna, presentazione del libro a cura di Giovanni Azzaroni e Matteo Casari e proiezione di “Mana”, il documentario di Fabrizio Lecce e Tommaso Faggiano realizzato da Meditfilm.
Ne parla con gli autori il prof. Giulio Soravia (Università di Bologna)

Saluti del Direttore del Dipartimento delle Arti, prof.ssa Giuseppina La Face

Raccontare la Grecìa è stato il tentativo difficile e stimolante al tempo stesso che gli autori si sono proposti, insieme con i Griki, per indagare sul loro passato e sui loro vissuti al fine di descriverne il presente. La ricerca di campo si è fondata sul “loro e noi”, loro i maestri e i ricercatori gli allievi, giunti nelle terre ove ancora si parla griko, seppur limitatamente, per cercare di rendere tangibili e conservare nelle pagine scritte vicende lontane nel tempo, che la memoria di chi ancora orgogliosamente si sente griko conserva come retaggio di un passato che rischia di essere cancellato per sempre, quasi consegnato  a un fatalistico “c’era una volta”. La storia della Grecìa è paradigmatica, può essere inserita in un contesto più complesso, nella consapevolezza che le storie raccontate rivestano un carattere generale che può rinvenirsi anche in altri luoghi e in altri tempi.

La ricerca sui cui si fonda il volume è stata condotta da un gruppo composto da Giovanni Azzaroni (già docente di Antropologia dello spettacolo e Teatri orientali all’Alma Mater) e Matteo Casari (docente di Teatri in Asia e Organizzazione ed economia dello spettacolo all’Alma Mater) assieme a studenti-ricercatori dell’Università di Bologna (Gabriella Birardi Mazzone, Luca Gadler e Marta Giardina), dall’Associazione culturale Amethéa 24°/7° di Zollino (Pablo Durán Rojas, Diana Costa, Francesco Gabrieli e Michele Palmiero: gli ultimi tre laureati DAMS a Bologna) e dalla Cooperativa Meditfilm di Galatina (Tommaso Faggiano, Fabrizio Lecce e Domenico Ricciato).

 

Laboratori delle Arti – Saletta seminari
29 ottobre 2015, ore 16,30

LEAVE A REPLY

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *